Se avete problemi con il Vostro Nokia S60 3rd edition

Se avete problemi con il Vostro Nokia S60 di terza generazione, potete fare un reset normale del telefono o un reset profondo (consigliato in caso di VIRUS).

Prima di procedere con il reset Vi consiglio vivamente di fare un backup dei Vostri dati più importanti sulla memory card. Inoltre Vi consiglio anche di impostare un codice per il blocco remoto, poi vi spiego il perché. Questo codice lo impostate da: Strumenti -> Impostazioni -> Protezione -> Telefono e Sim -> Consenti blocco remoto. Potete anche usare una password alfanumerica lunga tipo “zio paperino ha 3 nipotini”. Se avete dimenticato il cell acceso da qualche parte, un sms al vostro cellulare con questo testo lo blocca senza possibilità di usarlo fino all’inserimento del codice di sicurezza.

Per eseguire il backup dovete avere una scheda di memoria con spazio sufficiente per il backup installata. Andate in Strumenti -> Memoria -> Opzioni -> Backup memoria tel.

Per fare un reset normale, che altro non è che il reset che si può fare dal menù, dovete digitare *#7780#
Per fare un reset profondo (hard reset), dovete invece digitare *#7370#.

Vi chiederà il codice di sicurezza del cellulare che per sicurezza dovete sempre impostare per evitare che amici giocherelloni vi formattino il cellulare.

Una volta resettato potete ripristinare i dati e le impostazioni dalla memory card: Andate in Strumenti -> Memoria -> Opzioni -> Ripristino da card.

Il telefono vi chiederà di essere riavviato. Se avete fatto un hard reset al riavvio vi chiede la password della memory card. Pochi sanno che questa password è legata al codice per il blocco remoto, fermandosi però all’ottavo carattere. Quindi se avete impostato “zio paperino ha 3 nipotini”, la password per accedere alla memory card sarà “zio pape”.

A questo punto reimpostate le altre password e blocchi vari che il backup per sicurezza non ripristina e riavviate il telefono.

Ecco fatto senza alcuna riformattazione della memory card come da molti citata in rete.

Ricordatevi un’ultima cosa: se non rimuovete la password dalla scheda di memoria, entrando nell’apposita applicazione, la maggior parte dei programmi che avrete installato nella scheda di memoria non partiranno proprio (Route66, TomTom, ecc.), nonostante sia tutto visibile. Inoltre, con la password ancora impostata, la scheda risulta bloccata se la si sposta in altro telefono e se la si tenta di leggere con il computer risulta illeggibile. Tutti questi problemi si risolvono rimuovendo la password dal menù opzioni dell’applicazione “Memoria”.

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , ,
Pubblicato su Cellulari

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: