Recensione Stilografica Pelikan M1000 Green Stripes Medium

1) Prime impressioni
La M1000 è stata il mio sogno fin da quando ho comprato la prima Pelikan, ma è sempre rimasto tale per via del prezzo proibitivo.
Mi ha sempre attratto il connubio tra maxi pennino, maxi dimensioni, leggerezza della penna e componenti interni in ottone. Per essere l’ammiraglia delle Pelikan è stata pagata poco su ebay e la spedizione da un privato tedesco è stata velocissima. Il pacco era perfetto ma la penna, non essendo venduta da un rivenditore ufficiale, mi è stata fornita senza la confezione deluxe che avrebbe avuto una boccetta di inchiostro ma con la scatola standard di cartoncino morbido esterno e cartone duro per quella interna. All’interno della scatola non era presente neanche il libretto di istruzioni manutenzione e garanzia e alla mia richiesta di spiegazioni il venditore si è affrettato a dirmi che avevo un anno di garanzia presso di lui ma che al 99.999% non ne avrei avuto bisogno. Comunque la penna è stata un regalo della mia ragazza e a caval donato non si guarda in bocca.
Nonostante ciò, l’impatto iniziale è stato per me molto emozionante e ancora oggi mi meravigliano molte sue caratteristiche e tenerla in mano mi da sempre belle sensazioni.

2) Estetica e rifiniture
Come per tutte le altre Pelikan da me possedute anche questa è perfetta o forse lo è ancor di più essendo l’ammiraglia. La penna è nella classica versione a righe verde semitrasparenti, con impugnatura pomello e cappuccio neri e particolari placcati oro 23Kt. E’ completamente lucidata a diamante e non ha sbavature di alcun tipo anche se le righe verdi non sono perfettamente parallele all’asse della penna.
Sono complessivamente molto soddisfatto della qualità di costruzione che ovviamente era impossibile capire dalle foto.

3) Design, dimensioni e peso
La penna è in acrilico lucidato a diamante. La forma è la classica delle Pelikan, a forma cilindrica con estremità bombate e sull’estremità del cappuccio c’è il simbolo Pelikan dorato. La clip ha la forma di un becco di pellicano con gli occhi vicino all’attaccatura. Sia alla base del cappuccio che alla base del pomolo dello stantuffo ci sono 2 fascette dorate che danno ancor più risalto alla maestosità di questa penna che dal vivo è molto più bella e piacevole di quanto mi potessi aspettare.
La grandezza della penna è over-size e infatti è lunga chiusa 146 mm, stappata 135 mm, aperta con cappuccio 177 mm, mentre il suo peso è di gr. 33.3. Il tappo da solo misura 70 mm. I diametri sono: impugnatura 12 mm, corpo 14.5 mm, tappo 15 mm.
Avendo la mano piccola per me la penna è più comoda senza tappo ma è utilizzabile anche con questo senza comprometterne il bilanciamento.

4) Design e performance del pennino
Il maxi pennino è in oro 18Kt bicolore e il suo tratto è medio. Ho scelto medio perché con la M200 ho potuto sperimentare che Fine fa durare troppo l’inchiostro della penna e visto quanto ce ne sta nella penna e che a me piace cambiare inchiostro ogni tanto e che ho anche grandi scorte di Pelikan 4001 Brilliant Black, in questo modo ho più possibilità anche di sperimentare nuovi inchiostri o di liberarmi di uno se mi annoia. Mi sembra comunque leggermente più grosso del tratto medio della M150. E’ assolutamente rigido e scorre bene su qualsiasi tipo di carta. Il flusso dell’inchiostro è leggermente abbondante ma non da trapassare il foglio di carta Quablock by Pigna, giusto quel tanto per il quale si rende necessario l’uso della carta assorbente quando si gira il foglio se non si vuole rimanere ad aspettare che l’inchiostro asciughi. Il sistema di capillarizzazione è il classico Pelikan a lamelle orizzontali in plastica che, vista la grandezza del pennino, sono molte e sottili. Il tutto è svitabile facilmente per sostituzioni, riparazioni o per una più facile pulizia della penna.
Come penna per biglietti di auguri, per diario e per lettere sono molto soddisfatto perché pur essendo grande il pennino è molto comodo. Purtroppo nei Moleskine la quantità di inchiostro che fuoriesce dal pennino trapassa leggermente il foglio e fa anche l’effetto peluria. Invece con la carta Ciak è perfetto. Misure pennino: lunghezza 26 mm, larghezza alare 9 mm.

5) Sistema di ricarica
La M1000 ha un sistema di ricarica classico a pistone ma la sua particolarità è quasi invisibile dal di fuori e consiste nel fatto che tutti i componenti sono in ottone massiccio e quindi praticamente indistruttibili.
La capacità della penna è notevole anche tolte le classiche tre gocce iniziali dopo il caricamento, ma visto il tratto medio grosso e il flusso un po’ abbondante, non dura poi tanto ma come ho già scritto, è un abbinamento che ho scelto personalmente e quindi mi sono soddisfatto.
Trovo che lo stantuffo scorra veramente bene senza alcun problema ed è interessante veder scendere velocemente e sensibilmente il livello delle boccette quando la penna si riempie.

6) Costo / Valore
Nonostante la penna mi sia stata regalata per il mio compleanno dalla mia fidanzata, so che il suo prezzo era di € 225.00, comprata su ebay da mundo_handel, rivenditore non ufficiale che fornisce un anno di garanzia presso di lui. L’acquisto è stato effettuato il 12 Giugno 2008, con € 15.00 di spese di spedizione.
Trovo strano che la Pelikan non fornisca una garanzia a vita per la sua ammiraglia. Altre case lo fanno dando così ancor più valore alla penna soprattutto nel grande mercato dei collezionisti. La mia ragazza si è trovata molto bene come acquirente e penso che abbia fatto un affare visto che la penna ha un prezzo ufficiale che è quasi doppio.

7) Opinione complessiva e conclusioni
Penso che la M1000 rimarrà a lungo la penna ammiraglia della mia collezione, non solo perché l’ho sempre sognata e poi mi è stata regalata dalla mia anima gemella ma anche perché è risultata molto migliore di quanto mi aspettassi al contrario di altre penne pagate anche di più.
Ad alcuni la colorazione a righe verdi può sembrare troppo vintage ma a me piace molto per via dell’effetto di semitrasparenza del meccanismo e dell’inchiostro.
Il sito Pelikan non riesce a trasmettere le emozioni che si provano impugnando questo gioiello, neanche con le foto della versione nera. So che esiste anche una versione con finiture e cappuccio in argento massiccio e si chiama M1050 ma non mi sarebbe piaciuta perché come ho potuto constatare con altre penne, l’argento scuro e ossidato ne rovinerebbe l’estetica.
Consiglio sicuramente l’acquisto, soprattutto se si trova ancora a questo prezzo.

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Recensioni

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: