Recensione: Ristorante “Taverna Greca” a Torino

Sono a Torino ormai dal 5 gennaio 2009 per questioni lavorative e anche se la stanza del residence dove alloggio è dotata di una piccola zona cottura, i fornelli oltre ad essere elettrici sono anche molto vicini all’armadio dove ci sono le camicie. Per cui cerco di cucinare in camera il meno possibile al fine di evitare caldo inutile e puzza sui vestiti e mi limito solo a quando non sto bene e comunque solo a cucinare pasta/minestra. Di conseguenza è per me molto importante mangiare bene e sano, sia a pranzo che a cena, in modo da avere energie sufficienti per lavorare, un apporto nutritivo equilibrato e non essere appesantito dal cibo. Ho trovato infatti che la cucina Torinese è per me un po’ pesantina, con pizzerie che fanno grande uso di olio sulle pizze e pietanze molto fritte. Girando per i dintorni dell’albergo la sera del 18 gennaio, sono andato alla ricerca di un ristorante che non fosse pizzeria e dopo meno di 10 minuti sono incappato in questo ristorante greco in Via Monginevro 29 a Torino. Al che ho pensato che sicuramente non era cucina torinese e che valeva la pena provare, al massimo non ci sarei più tornato.

Il nome del ristorante è “Taverna Greca” (Ελληνική Ταβέρνα) e anche se all’epoca il ristorante aveva appena aperto e per alcuni giorni sono rimasto l’unico cliente italiano (i greci hanno subito sparso la notizia) sia il titolare e capo cuoco Ilia Jerasi (Ηλεία) che l’altro cuoco Christos (Χρήστος), sono stati subito gentilissimi spiegandomi i vari ingredienti e la preparazione di tutti i piatti, tant’è che ad oggi vado regolarmente a mangiare da loro in media 2-3 volte a settimana. Da quallo che mi ha detto Elias, fin’ora sono stato il cliente italiano più “vecchio” e più fedele.

Il locale si presenta molto bello, luminoso, solare ed accogliente, al contrario di quanto il nome taverna può far pensare all’italiano medio. Il servizio è competente e veloce.

Ho avuto modo di provare tutte le pietanze del menù, i vini sfusi, la birra greca, il retsina e soprattutto l’ouzo (ούζο) di fine pasto (da prendere liscio ma ghiacciato), ma anche il Metaxa (Μεταξά), un brandy greco. Sono sempre molto soddisfatto dopo che esco dal ristorante e non mi sono mai pentito. Anche la Mussaka (μουσακάς), che generalmente è molto pesante, viene fatta in modo particolare che non è ovviamente leggerissima ma per lo meno non è un mattone per lo stomaco. Tutti i secondi sono accompagnati da una pita divisa in quattro che serve per mangiare la salsa tzatziki (τζατζίκι) inclusa nel piatto insieme ad insalata verde, pomodori olive e patate al forno. Quindi in genere un secondo è un piatto completo. I prezzi sono molto buoni per piatti così pieni, genuini e gustosi, soprattutto se paragoniamo i listini di molti altri ristoranti a Torino. Quasi tutto quello che viene servito arriva direttamente dalla grecia e il tutto è  preparato e cucinato da loro stessi. Hanno anche una buona dotazione di vini locali piemontesi, di vini italiani e di vini greci famosi. Al momento della recensione non sono presenti primi o secondi di pesce, ma solo carni, formaggi, insalate e dolci.

I gestori sono così cordiali che ho finito per farci amicizia e quindi sono rimasto particolarmente contento quando hanno ricevuto un certificato di qualità da alcuni critici venuti presso di loro. A breve sarà esposto in bella vista, ma in realtà sono il passaparola e le recensioni di noi clienti abitudinari e non, la vera forza di questo ottimo ristorante. Ogni tanto, aggiungono qualche nuovo piatto al menù e sono previsti lavori di ampliamento delle cucine nel periodo di ferie estive (ma non è certa la notizia, in quanto tutto dipenderà dal flusso turistico).

Se siete Torinesi, e cercate un ristorante diverso dalla solita cucina ma sicuro dal punto di vista alimentare la “Taverna Greca” fa sicuramente per voi. Anche se siete in trasferta per turismo o lavoro questo ristorante è un’ottima scelta, visto che i cibi sono gustosi e mai pesanti.

Siccome il locale è molto ambito, per evitare di dover aspettare, Vi consiglio caldamente di prenotare cercando di rispettare il numero dei commensali dichiarato, al fine di non creare disagio a voi, agli altri clienti ed al personale.

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , ,
Pubblicato su Recensioni
3 comments on “Recensione: Ristorante “Taverna Greca” a Torino
  1. Laura Orsini ha detto:

    Lavoro alla Taverna Greca da fine febbraio come aiuto cuoco e devo dire che oltre a trovarmi splendidamente con Christos il cuoco, Elias e le ragazze cameriere, il locale è veramente bello, elegante, accogliente e poi non parliamo del cibo: squisito!! La fortuna del lavorare in cucina è poter inebriarsi dei profumi della buona tavola greca e mediterranea, imparare cose nuove, responsabilizzarsi (in cucina ci vuole velocità, pulizia e precisione).
    Christos ed Elias mi stanno insegnando tante cose a me prima sconosciute. Poi devo concordare sul fatto che sono molto ospitali e cordiali con tutti. La sala è sempre piena e, dalle recensioni che ho letto, i clienti sono sempre assolutamente soddisfatti, e questo fa veramente piacere.
    I prezzi sono accessibilissimi a tutti, con 20-30 euro si mangia un pranzo o una cena completi.
    Ottime le polpette fatte con formaggio kefalotiri (e non con la feta come qualcuno erroneamente ha scritto in altre recensioni), il gyros di maiale e la mussaka; inoltre vale la pena assaggiare anche la feta alla griglia!
    Lavorando li in cucina posso garantire che il tutto è fresco e molti alimenti provengono proprio dalla Grecia (quindi non si tratta di imitazioni italiane o di prodotti di bassa qualità).
    La prima regola nella nostra cucina è l’igiene e la pulizia.
    Che altro dire.. fate un salto alla Taverna Greca di via Monginevro 29 a Torino: non ve ne pentirete e, sopratutto, tornerete ancora a mangiare perchè la qualità e la cordialità sono davvero di casa.

    Laura Orsini

    Mi piace

  2. elenaromanello ha detto:

    Li ho scoperti per caso, andando al cinema Eliseo.
    Ci sono andata a mangiare oggi per la prima volta, ottimo!!!
    L’ideale anche per chi, come me, è vegetariana.

    Mi piace

  3. Lory ha detto:

    Vorrei lavorare li !!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: