Il mio vecchio Citizen Eco-Drive Chronograph Blue Dial con monoscocca titanio

Sono il felice possessore di un Citizen Eco-Drive Chronograph monoscocca in titanio di primissima generazione (modello AP2161-68M) con quadrante blue marine, movimento Citizen calibro 0875, comprato nel lontano 1997 e che andava a sostituire un Citizen Pro Master defunto cadendo sugli scogli. L’orologio è fatto completamente in Giappone.
Nonostante di questo orologio non sia facile trovare riferimenti, sono riuscito a trovare qualche cosa online e addirittura un articolo su Citizen Mania, ma posso aggiungere o definire alcuni dettagli: titanio puro per scocca monoblocco e bracciale (con chiusura di sicurezza), colore quadrante (dial) blu, cronografo 1/20 di secondo e con tempo parziale, allarme di time reset, pulsanti a molla per regolazioni (avanti e indietro), reset allo zero (la lancetta dei secondi si sposta allo zero quando viene attivata la funzione di modifica dell’ora), calendario perpetuo, marker altamente luminosi per minuti (ogni 5) e lancette, corona girevole in senso antiorario, allarme, Eco-Drive con riserva di carica di circa 80 giorni, subacqueo 200 metri, funzione 24h, indicazione di accumulatore scarico (movimento lancetta secondi a intervalli irregolari), datario, quick start (ovvero non ha bisogno di ricaricare completamente la batteria per ripartire), vetro zaffiro minerale. Le dimensioni sono di 40.5mm per il diametro e 12mm di spessore. Larghezza aletta del cinturino: 20mm con possibilità di sostituzione del bracciale con misure simili.

Allora mi fu detto che era il primo esperimento della linea Citizen Eco-Drive in Titanio. In realtà il Citizen sostituiva un Festina sempre in Titanio ma troppo morbido e il cui cinturino si era letteralmente piegato nell’uso dopo un solo giorno, per cui ero molto titubante sull’uso del titanio visto quella che mi sembrava una scarsa resistenza ai piegamenti! Tenete conto che provenivo da un ProMaster… Comunque la vera novità era l’Eco-Drive, in quanto la Citizen produceva orologi in Titanio dal 1970…

Vengo al punto: il 15 dicembre 2011 il mio fidatissimo orologio è morto… caput… dopo 14 anni di onorato servizio quotidiano al polso sinistro, e per il quale ho speso solo 5 euro per il cambio di un pulsantino che aveva preso un forte colpo e si era schiacciato, qualcosa all’interno dell’orologio si è guastato definitivamente. La prima cosa a cui ho pensato è stata la durata dell’accumulatore, così l’ho portato al centro assistenza Citizen di Cagliari in Via Puccini, vicino a casa mia… lo hanno analizzato sotto ogni punto di vista, testato, tentato di far risorgere ma niente… gli hanno anche cambiato l’accumulatore con uno di un’altro orologio morto per altri motivi (rotto) ma non ne vuole sapere di caricare l’accumulatore… va finché c’è luce, poi si assopisce…

Nonostante quindi mi sia letto con attenzione l’articolo di Citizen Mania sugli accumulatori non mi è servito a molto. Qualcuno avrà notato che ho scritto che è stato provato un accumulatore usato… come mai non nuovo? Ebbene, triste scoperta… Quel modello di accumulatore che monterebbe nel mio orologio è fuori produzione!!! Introvabile!!! È possibile, mi è stato detto, cambiare tutta la componentistica interna ovvero usare un nuovo circuito integrato con il nuovo accumulatore di ultima generazione che, “garantirebbe ma senza garanzia se non quella della riparazione stessa ovvero tre mesi”, un funzionamento di più di 20 anni… e che ha un costo “esiguo” di EUR 120,00… azz… Al che ho fatto un po’ di domande in giro, e per gli orologi con componenti elettroniche TUTTE e dico TUTTE le case di produzione ormai non forniscono più pezzi di ricambio singoli dopo 8-10 anni dall’uscita di produzione dell’orologio stesso quando questo è nella fascia medio-bassa. E siccome quell’orologio è uscito di produzione nei primi anni del 2000, oggi che siamo nel 2012 è praticamente introvabile ogni pezzo di ricambio. Diverso discorso ovviamente per gli orologi costosi e per gli automatici, il cui interesse da parte delle case produttrici è maggiore in quanto normalmente sono facoltosi o collezionisti gli acquirenti di questo tipo di orologi, al contrario dei modelli sportivi usati quotidianamente dalla gente comune e quindi con un’usura maggiore.

Comunque alla fine ho preso una decisione che ho già attuato dopo piccola indagine locale sul prezzo: nonostante qualcuno sacrificherebbe volentieri qualche soldino per dare nuova vita ad un vero pezzo vintage Eco-Drive, io conservo l’orologio guasto posticipando a quando potrò spendere 120 euro per un orologio che potrebbe guastarsi nuovamente dopo poco tempo, e  compro il modello BJ5130-58L Supertitanio (Ti+IP) GMT con cassa e bracciale in supertitanio, quadrante blu, molto bello ed elegante. Questo perché sono riuscito a trovare un’offerta limitata online sul sito www.colosishop.com (Gioielleria Colosi della città di Paola, in provincia di Cosenza), pagandolo con spese di spedizione incluse appena EUR 176,00, ossia soli 56 euro in più che “sistemare” il vecchio cronografo, prezzo assai superiore ad altri rivenditori sia online che soprattutto locali. Ritengo infatti che, vista la politica di produzione di pezzi di ricambio limitata a 8-10 anni, spendere troppi soldi per un modello nuovo di fascia media non abbia molto senso, soprattutto perché non colleziono orologi (ho già tanti hobby e alcune collezioni, come si può immaginare dalla foto con la stilografica ed il Moleskine). L’orologio è uno strumento che mi deve dare precisione nell’orario ma anche sicurezza di resistenza nell’uso quotidiano e nelle situazioni quasi estreme, senza cambiarlo mai. Se non ho queste garanzie per un tempo ragionevole preferisco conservare il cronografo guasto al solo scopo di valore affettivo e ripararlo quando potrò permettermi di spendere soldi per un oggetto che non intendo usare. Non ho scelto invece un altro cronografo perché sia il cronografo che le altre funzioni le ho usate veramente poco. Trovo però utile la funzione GMT 24H di questo nuovo modello e la possibilità di usarlo con doppio orario.

Per ora attendo l’arrivo di questo nuovo Citizen che recensirò non appena provato adeguatamente, e lascio a voi i commenti su quanto scritto.

Concludo che questo resoconto è stato pubblicato anche su Citizen Mania, blog di appassionati ed esperti degli orologi Citizen.

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Articoli, Opinioni, Tecnologie

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: