Cagliari Turistica: Chiusa per Ferie in tempo di crisi

Dal Bastione

Collegandomi a quanto già scritto da Casteddu Online e dall’amico Nicola su Facebook, ripropongo il tema festivo/stagionale in oggetto, sia perché i commenti scritti da me all’articolo di Casteddu Online sono visibili solo dalla mia lista amici sia perché è un tema al quale tengo parecchio.

Premetto che comprendo le motivazioni di chi, anche volendo aprire, rischia la multa comunale per apertura oltre l’orario settimanale, ma è proprio la popolazione (di cui gli esercenti fanno parte) che dovrebbe incentivare il Sindaco di una città a concedere giornate speciali in cui, qualsiasi esercente, possa rimanere aperto per promuovere il turismo. Altrimenti il ragionamento è giusto: tra tasse, spese di esercizio, stipendio straordinario di eventuali commessi, e rischio di multa comunale, non vale la pena restare aperti. E ad ogni festa perdiamo un pezzetto di faccia, come quella volta dell’attracco della nave da crociera Navigator of The Sea, la più grande del mondo, i cui passeggeri vagavano per una desolata città “turistica” chiusa, aspettando ore i pulman sotto un sole cocente e chiedendo se si poteva raggiungere a piedi almeno il Poetto…

Dal Bastione

Se poi veramente si facesse un discorso di incentivo politico al turismo, potrebbe essere lo stesso Sindaco a promuovere una campagna al turismo vero, organizzandosi come fanno in altre città europee come Barcellona, citata da Nicola, o come alcuni Stati che si accordano con gli operatori di trasporto in grado di dare loro turisti, calcolando tempi luogi e numero di turisti in arrivo e permettendo quindi un adeguato servizio, anche solo per chi, girando la città da solo, deve ogni tanto fermarsi per un bisogno umano e non sa dove andare.

Il discorso potrebbe essere ampliato includendo il problema annoso dei finanziamenti agli esercizi commerciali in crisi. Tali finanziamenti, ma preferisco chiamarli incentivi, potrebbero essere erogati solo ed esclusivamente ai più virtuosi, ossia a coloro che, rimanendo aperti nei giorni di piena turistica, in tutte le festività nazionali e regionali, fanno uso anche di personale regolarmente assunto.

Dal Bastione

Infine, impariamo da Facebook e dalla rete. Abbiamo bisogno di feedback esterni, ossia dei commenti dei turisti che passano da noi: cosa si aspettavano di trovare e cosa hanno trovato. Anni fa, quando sono stato in Canada, mi è stato consegnato un questionario in aeroporto proprio per verificare il mio grado di soddisfazione per i servizi (o disservizi) riscontrati. Una buona gestione politica orientata al turismo dovrebbe tenere conto seriamente dell’opinione del turista, che oggi, grazie ai mezzi di diffusione di cui ognuno di noi dispone, può declassare Cagliari e la Sardegna “isolandole” veramente dal resto del mondo.

Chiudo il mio articolo postando i commenti, scritti da me su Facebook all’articolo di Casteddu Online pubblicato domenica, che non discostano molto dal pensiero pubblicato oggi da Nicola:

Non c’è la mentalità del turno allo scopo di dare servizi! Il turista va dove sa di trovare servizi 24h/24h, perché tutti siamo turisti e quando andiamo lontano da Cagliari vogliamo questo. Ci sono anche altre date abbandonate: Ferragosto, Natale, Capodanno giorno, Epifania… tutte feste non sarde, e quindi sottovalutate… ahi ahi… tra costi al dettaglio quando gli esercizi commerciali sono aperti, e giorni di festa chiusi… ormai non conviene solo comprare da fuori ma fare tutto fuori.

Non dimenticherò mai quando, due anni fa, fine luglio mercoledì feriale, ho aspettato dalle 16 alle 17.30 che un negozio di via dante aprisse. Non faccio il nome del negozio, ma non cambia il concetto in quanto la situazione era uguale per tutta la via. L’unica attività aperta era Almarabotto Caffé. Tutti gli, bar compresi, erano chiusi. Anche le edicole. E mentre aspettavo, sono passati almeno un centinaio di turisti che vagavano per la desolata città chiusa. Alla mia richiesta di spiegazioni mi fu risposto che “C’È IL MARE, CHE È 

Leggendo gli altri articoli ne traggo le conseguenze: 80 MILA turisti in una città chiusa e in una giornata simil invernale… sicuramente torneranno… a casa…UNA COSA SACROSANTA CHE TUTTI, ANCHE LORO, DEVONO ANDARE AL MARE!”. Avevano chiuso alle 12.30… quindi ben 5 ore di pausa perché non sanno organizzare turni di personale… e perdono clienti… successivo acquisto fatto presso centro commerciale ed online. Mi spiace, ma la mentalità non è cambiata. Qui non viene recepito il concetto che siamo entrati nella globalità e che io cliente posso comprare da dove mi pare e andare in vacanza spendendo molto meno di quanto spendo qui. Sei tu, esercente, che mi devi convincere che qui è meglio. La concorrenza, non è più nel quartiere, ma nel pianeta.

In risposta ad un’amica: mi stai dando ragione, la mentalità del Nord Italia è diversa da quella di Cagliari. Lì, dove il patrimonio naturale è diverso e forse in alcuni casi anche inferiore, è tutto aperto. Qui dove le potenzialità sono enormi e infinite è tutto chiuso…

A maggior ragione, se da noi è più difficile arrivarci devi incentivare il turista a venire. Sennò chi glielo fa fare? Cmq oltre che colpa della mancata mentalità al turismo, c’è anche una colpa politica non solo attuale ma radicata da decenni, che essendo vittima delle congregazioni di negozianti “antichi” della città, non propongono miglioramenti e salvacondotti per i negozi che aprono nei giorni di festa, che tra tasse, spese di esercizio e rischio di multa comunale per apertura fuori orario, rischiano troppo.

 

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Articoli
One comment on “Cagliari Turistica: Chiusa per Ferie in tempo di crisi
  1. ........Ipod???? ha detto:

    […] Cagliari Turistica: Chiusa per Ferie in tempo di … – Andrea Duni's Blog […]

    Mi piace

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: