6 Maggio 2012: un referendum da primato!

È scandaloso il silenzio della rete e degli altri media riguardo ai quesiti referendari che si terranno il 6 Maggio 2012 in Sardegna. Solo su Facebook si riesce a far girare il passaparola. L’amico Nicola Montisci, che se n’è accorto, punta il dito sulle armi di distrazione di massa.

Sembra che non si voglia ripetere il primato ottenuto dalla Sardegna nel 2011, quando fu la prima regione a rifiutare il nucleare, referendum confermato poi a livello nazionale ma che nella nostra isola presentò un risultato schiacciante di oltre il 90% dei contrari allo sfruttamento dell’atomo.

Ma anche questo referendum può presentarsi come un’occasione di primato: essere la prima regione italiana ad abbattere i costi della politica regionale e locale, abbattendo le province, tutte anche quelle originali, eliminando gli enti ad esse collegate, vaporizzando i costosissimi Consigli di Amministrazione degli Enti Regionali e riducendo il numero dei pagatissimi Consiglieri Regionali sardi da 80 (ottanta) a 50 (cinquanta).

Certo, per essere onesti, i Consiglieri dovrebbero essere proporzionali alla Regione più popolata dell’Italia, ossia la Lombardia, il cui Consiglio Regionale è composto da 80 Consiglieri, ma gli abitanti sono poco più di 9.800.000. Noi, che in Sardegna abbiamo poco meno di 1.700.000 abitanti, dovremmo quindi avere un Consiglio Regionale di 14 Consiglieri. Vabbé, è pura utopia… Perlomeno però potremmo livellarci come le Regioni a più bassa popolazione e quindi avere un massimo di 30-35 Consiglieri. Sarebbe il massimo. Ma già ridurre di 30 il numero attuale è un primo passo.

Un primo passo… “ma per cosa?”, direte voi… per far sentire sulla pelle dei politici al potere, e dell’apparato burocratico, che anche loro devono partecipare al risparmio e sacrificarsi per la salvezza dell’Italia, non solo noi studenti, disoccupati, precari, lavoratori, liberi professionisti, consulenti, imprenditori, pensionati. Perché ho voluto specificare “politici al potere”? Perché i militanti, soprattutto i giovani militanti, e i simpatizzanti dei vari partiti premono da tempo affinché ci siano non solo tagli agli sprechi ma vera e propria meritocrazia anche a livello politico.

Ecco quindi che questo referendum si pone come un primo passo per una rivoluzione cultural-social-politica, un’occasione per cambiare, come scrive l’amico Riccardo Lo Monaco. Ovviamente, per cambiare è necessario votare SI, ma se leggete bene il testo di ogni singolo quesito, non potrete che essere favorevoli a questa monosillaba così positiva.

Vi riporto qui di seguito il testo integrale tratto dal Sito della Regione Autonoma della Sardegna. Le votazioni saranno possibili dalle 6.30 del mattino fino alle 22. Mi sono permesso di sottolineare le parole chiave di ogni singolo quesito.

Il giorno 6 maggio 2012, con un’unica convocazione degli elettori, si svolgeranno i 5 referendum abrogativi regionali e i 5 referendum consultivi regionali, indetti ai sensi della L.R. 17.5.57, n. 20.

Con Decreto n. 18 del 20.02.2012 il Presidente della Regione e successivo Decreto di revoca n. 9/E del 10.03.2012 ha fissato la data di svolgimento dei 5 referendum abrogativi regionali e i 5 referendum consultivi regionali con i seguenti quesiti:

 

Referendum n. 1 (scheda verde scuro):
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 2 gennaio 1997, n. 4 e successive integrazioni e modificazioni recante disposizioni in materia di “Riassetto generale delle Province e procedure ordinarie per l’istituzione di nuove Province e la modificazione delle circoscrizioni provinciali?”.

Referendum n. 2 (scheda grigia):
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 1 luglio 2002, n. 10 recante disposizioni in materia di “Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.

Referendum n. 3 (scheda arancione):
“Volete voi che sia abrogata la deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna del 31 marzo 1999 (pubblicata sul BURAS n. 11 del 9 aprile 1999) contenente “La previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna, ai sensi dell’art. 4 della legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.

Referendum n. 4 (scheda rosa):
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 12 luglio 2001, n. 9 recante disposizioni in materia di “Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell’Ogliastra e di Olbia-Tempio?”.

Referendum n. 5 (scheda verde chiaro):
“Siete voi favorevoli all’abolizione delle quattro province “storiche” della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano?”.

Referendum n. 6 (scheda gialla):
“Siete voi favorevoli alla riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un’ Assemblea Costituente eletta a suffragio universale da tutti i cittadini sardi?”.

Referendum n. 7 (scheda viola):
“Siete voi favorevoli all’elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, scelto attraverso elezioni primarie normate per legge?”.

Referendum n. 8 (scheda marrone):
“Volete voi che sia abrogato l’art. 1 della legge regionale sarda 7 aprile 1966, n. 2 recante “Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna” e successive modificazioni?”.

Referendum n. 9 (scheda fucsia):
“Siete voi favorevoli all’abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna?”.

Referendum n. 10 (scheda celeste):
“Siete voi favorevoli alla riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale della Regione Autonoma della Sardegna?”.

Condominiums Manager, Fountain Pens Collector, Digital Photography Enthusiast. Amministratore di Condomini, Collezionista di Penne Stilografiche, Appassionato di Fotografia Digitale.

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Articoli

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il sismabonus sarà esteso anche all'edilizia residenziale pubblica
    Estendere all'edilizia residenziale pubblica gli incentivi al miglioramento sismico. Lo ha annunciato il Ministro Delrio.In Italia, secondo quanto pubblicato con un comunicato ufficiale pubblicato sul sito del MIT, il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica, sono localizzati in zona sismica 1, la più a rischio, e sono stati costruiti prima d […]
  • Servitù coattiva di passaggio e comproprietà dei fondi serventi
    Se una persona è proprietaria di un fondo intercluso, il fatto che sia anche comproprietaria dei fondi che si frappongono tra il primo e la pubblica via incide sulla possibilità di ottenere la costituzione di una servitù coattiva di passaggio?Di questo particolare aspetto relativo alla costituzione di una servitù coattiva di passaggio si è occupata – sia pur […]
  • Fumare in condominio? No, grazie.
    In Italia è oramai noto il divieto di fumo che vige nei locali chiusi, ad eccezione di apposite sale fumatori, nonché di luoghi privati non aperti ad utenti o al pubblico (per esempio: una scuola, un cinema).La legge che disciplina tale divieto, è la c.d. legge Sirchia [1] .E per quanto riguarda gli spazi condominiali? Si può fumare nelle scale, nel giardino […]
  • Il vespaio tra suolo e pavimento è parte comune se il contrario non risulta dal titolo.
    Per i beni indicati nell'art. 1117 Cc, che la norma considera di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, non si può tecnicamente parlare di “presunzione” di condominialità quanto, piuttosto, di riconoscimento legale della natura comune (Cass. n. 14809/2017).Natura comune che può essere derogata solo con patto […]
  • Infiltrazioni e accertamento tecnico preventivo
    Qual è l'utilità dell'accertamento tecnico preventivo (anche detto ATP) nel caso di presenza di infiltrazioni?Prima di entrare nel merito e ricordando sempre che non esistono formule generali valide per tutte le ipotesi, ma che bisogna valutare sempre caso per caso la migliore strada processuale da intraprendere, è utile soffermarsi sul fenomeno, l […]
  • Edifici a rischio crolli. Buone notizie. Le spese per la diagnosi saranno a carico dello Stato
    Le operazioni, che normalmente sono a carico dei privati, saranno a carico dello Stato per un investimento che si stima per circa 120 milioni di euro.Dopo il crollo della palazzina presso la città di Torre Annunziata, che ha prodotto otto vittime, il problema della sicurezza dei fabbricati sembra rappresentare una priorità per l'attuale Governo.Il Sotto […]
  • La sorte del credito condominiale in caso di fallimento del condomino-imprenditore
    L'ipotesi di fallimento del condomino imprenditore, che svolge, dunque, attività commerciale, configura, da sempre, una situazione alquanto complessa per l'amministratore di condominio, con riguardo alla gestione dell'immobile e soprattutto per quanto attiene alle precise procedure da porre in essere per il recupero delle spese condominiali de […]
  • Passi carrai. Il condominio paga la doppia imposta
    Il passo carraio va pagato anche se per la stessa occupazione è già corrisposta la Tosap e la Cosap.Questo è quanto espresso dal Tar Liguria con sentenza n. 664 emessa in data 24 luglio 2017, che ha respinto il ricorso presentato da un condominio contro il Comune di Genova. ...
  • Ecobonus in condominio. Pubblicate le regole per avere la detrazione
    La documentazione relativa all'ecobonus del 70% e del 75%, riservato alle parti comuni dei condomìni, potrà essere inviata all'Enea a partire dal 15 settembre 2017 Si allega il vademecum, aggiornato al 10 luglio, pubblicato sul sito di ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che possono acc […]
  • In caso di immobile pignorato, i canoni non percepiti vanno ugualmente dichiarati
    Anche in caso di pignoramento dell'immobile, si continua ad applicare l'art. 26, comma1, TUIR,secondo cui i redditi fondiari concorrono a formare il reddito indipendentemente dalla loro percezione.Non rileva il fatto che il contribuente riferisca di aver perduto il possesso del bene locato a seguito della nomina di un custode giudiziario diverso da […]
Statistiche del Blog
  • 38,905 hits
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: